Glam Events

Perché preoccuparsi di assumere qualcuno che proponga animazione ai matrimoni?

Perché preoccuparsi di assumere qualcuno che proponga animazione ai matrimoni?

Pensare ai bambini e a cosa faranno è un aspetto da non sottovalutare nell’organizzazione del matrimonio: il rischio è di vederli annoiati oppure di perderli mentre corrono in giro, mettendo a rischio se stessi, i camerieri carichi di piatti e bicchieri e i nervi di mamma e papà.

Che ti affidi a una wedding planner professionista o decida per il “fai da te”, quando ci sono bambini, tutto deve essere pensato a loro misura. Anche se ben educati, faticano a rispettare i tempi degli adulti, i divieti, gli spazi e le buone maniere.

I bimbi quando sono in compagnia di altri bambini si comportano in due modi:

  • o si sentono stimolati a giocare insieme a loro
  • o si chiudono a riccio isolandosi e cercando l’abbraccio protettivo dei genitori…

Nel primo caso sarà più difficile tenerli “a bada”, nel secondo caso ce li avrete incollati per tutto il tempo.

Certo è che non potete consigliare ai vostri invitati di lasciare a casa la prole, ma di sicuro per voi è importante sapere se i bambini verranno “trascinati” o no, in modo da poter organizzarvi di conseguenza: se nessuno porta i piccoli, non ha senso organizzare l’animazione, mentre se vengono e sono tanti, è pressoché indispensabile!

Esistono tante attività di intrattenimento e animazione: l’hula hoop, le costruzioni lego e il pongo, un angolo dedicato ai travestimenti e uno più tranquillo con alcuni giochi da tavolo. Un’altra idea divertente potrebbe essere una caccia al tesoro che sul finire coinvolga anche gli sposi: saranno loro a custodire la chiave che condurrà al tesoro!

Occhio anche al menu! Senza dover ricorrere per forza a “pollo e patatine”, basterà semplificare e riadattare il menù originale.  Consigliamo di puntare sulla semplicità e velocità, ma anche di aggiungere un’idea divertente come un piccolo aperitivo, magari con frullati, e una grande tovaglia di carta che i bambini potranno decorare per donarla agli sposi.

Se state dedicando inoltre molta attenzione alla decorazione nuziale..  ricordate che se volete tenere i bimbi seduti tranquilli almeno per la durata del pasto, allora anche la loro tavola  (che sia un tavolo separato o un posto a quello dei genitori) deve essere molto attraente e che i bambini hanno criteri di valutazione diversi rispetto a quelli degli adulti… Allora, via libera a decorazioni colorate, in tono con lo stile del matrimonio ma pensate apposta per i piccoli, magari con un piccolo gadget/segnaposto per ognuno di loro che li saprà incuriosire e coinvolgere tra una portata e l’altra.

Meglio se vicino al tavolo dei bimbi c’è una stanza per giocare, o se è estate una via d’uscita per spazio all’aperto, ovviamente sicuro tipo parco o giardino. Sembra superfluo specificarlo ma per esperienza possiamo dirvi che non lo è: evitate di far piazzare il tavolo dei bambini vicino a scale o peggio all’entrata della cucina. I vostri figli verrebbero trafitti dagli sguardi esasperati dei camerieri.

La proposta di animazione e intrattenimento professionale deve essere adeguata sì allo stile del ricevimento, ma soprattutto al numero e alle età dei piccoli ospiti, senza tralasciare il fatto che l’animatore professionista deve conoscere i tempi e gli spazi a disposizione nella location. Il momento al tavolo potrebbe essere accompagnato da giochini divertenti stando seduti. Una volta finito di mangiare si va subito a giocare. Si può anche pensare ad un angolo morbido a misura di piccolissimi (0/3 anni). Poi truccabimbi, palloncini, qualche ballo, le bolle giganti. Che a quanto pare sono le cose che vanno per la maggiore!

Ma come scegliere l’animazione giusta?

I criteri sono questi:

1) Età
2) Numero di bambini

Se chiarite subito questi aspetti anche l’animatore che contattate saprà proporvi la cosa più adatta.

Per quanto riguarda l’età, nella fascia pre-scolare meglio optare per un intrattenimento più morbido, senza la pretesa di coinvolgerli con giochi troppo lunghi e complessi, ed evitando volumi troppo alti per la musica, abbiamo visto bimbi di uno e due anni piangere disperati alle loro stesse feste di compleanno: la confusione non piace ai più piccoli!!!

Numero dei bambini: se sono entro i 10/15 bimbi, specie della stessa età, può bastare un solo animatore esperto, altrimenti, se sopra le 15/20 unità, meglio essere in due, soprattutto se ci sono età diverse.

Altro suggerimento: i bimbi molto piccoli meglio che stiano al tavolo con le mamme, anche perché l’animazione non è baby sitting, ha il compito di intrattenere e per quanto possibile contenere i bambini, ma non può chiaramente incaricarsi il compito di controllare a vista anche i più piccoli, che vanno appunto tenuti sempre sott’occhio!!!

Un ultimo consiglio davvero importante: Dovreste avere l’accortezza di dare informazioni precise ai genitori dei bimbi che parteciperanno a cerimonia e ricevimento, in modo che abbiano tempo per prepararsi, ma soprattutto per prepararli!

Care amiche seguiteli e il successo sarà assicurato: loro saranno “occupati” e felici, mamme e nonne (ma anche papà, fratelli maggiori e zii…) saranno liberi di godersi la festa, e l’atmosfera del giorno più bello della vostra vita sarà perfetta, gioiosa, colorata… una vera festa per tutti! Perché il giorno delle nozze deve essere speciale per gli sposi ma anche per gli invitati, grandi e… piccoli!